L' arte della memoria

Home » Programma delle attività

Programma delle attività

Annunci

 

Visite guidate Gennaio – Marzo 2018

GENNAIO

SABATO 13  GENNAIO – MOSTRA “È SOLO UN INIZIO. 1968”
Concepita per il 50° anniversario del 1968, questa mostra, a cura di Esther Coen di quell’anno di svolta racconta, riecheggiando il famoso slogan del Maggio francese “ce n’est qu’un début”, gli inizi e il “corto circuito tra vita, arte, politica”.
(a cura di Ada De Pirro)
Appuntamento: ore 16,30, all’ingresso della Galleria Nazionale (ex GNAM), Viale delle Belle Arti, 131
Costo: € 7,00 visita guidata; € 10,00 biglietto intero, € 5,00 ridotto
SABATO 27 GENNAIO  – CATACOMBE SANTI MARCELLINO E PIETRO (Permesso speciale)
La recente riapertura al pubblico di una delle più interessanti catacombe romane ci restituisce uno straordinario contenitore di pitture dell’epoca paleocristiana, una rete di gallerie scavate nel tufo lunga circa 17 chilometri e utilizzata nei secoli III-IV come luogo di sepoltura ma diventata ben presto meta di pellegrinaggio.I suoi affreschi – restaurati utilizzando la tecnica laser – brillano come se fossero appena dipinti, offrono soggetti originali inquadrati da belle cornici geometriche e ruotano attorno al tema dell’agape, o banchetto funebre.
All’esterno, potremo ammirare quello che resta dell’imponente complesso di edifici di epoca costantiniana, il più famoso dei quali è certamente il Mausoleo di Elena, che con le sue pignatte nella cupola ha dato il nome al circostante quartiere di Tor Pignattara
(a cura di Stefania Botti)
Appuntamento: ore 10,00, Via Casilina, 641
Costo: €7,00 visita guidata; €8,00 biglietto apertura speciale, € 5 ridotto

FEBBRAIO

DOMENICA 4 FEBBRAIO –  MOSTRA “TRAIANO. COSTRUIRE L’IMPERO, CREARE L’EUROPA” – MERCATI TRAIANEI
La mostra intende celebrare, a 1900 anni dalla sua morte, la vita e le opere di Marco Ulpio Traiano, che fu il primo imperatore “straniero”, nato in Spagna, sia pure da famiglia italica. Proprio le sue origini provinciali lo portarono a comprendere che un impero così grande (con lui raggiunse la massima estensione), multietnico, multireligioso, multiculturale poteva essere tenuto insieme certamente con un forte esercito, ma anche, e soprattutto, tramite l’inclusione e l’assimilazione dei popoli che ne facevano parte in un’unica e coesa entità statale. Traiano fu l’anticipatore di una sorta di “globalizzazione”, che portò l’URBS a diventare ORBIS e ad ampliare il concetto di CIVIS ROMANUS, ratificato più tardi dalla Constitutio Antoniniana del 212. Il racconto di questa immensa impresa si sviluppa nella mostra, ospitata in uno dei più insigni monumenti del regno traianeo, attraverso statue, ritratti, decorazioni architettoniche, calchi della Colonna Traiana, monete, modelli in scala e rielaborazioni tridimensionali e filmati.
(a cura di Francesco Rossi)
Appuntamento: ore 10,00, Via Quattro Novembre, 94
Costo: € 7,00 visita guidata; biglietto gratuito (per i residenti a Roma) prima domenica del mese
DOMENICA 11 FEBBRAIO – MOSTRA “BERNINI” – GALLERIA BORGHESE (turno completo)
Dopo venti anni, una nuova, ambiziosa esposizione viene dedicata a Gian Lorenzo Bernini nel luogo di cui è quasi nume tutelare, la Galleria Borghese. I curatori hanno anzitutto voluto mettere in luce il rapporto con il padre-maestro, Pietro Bernini: il fastoso salone d’ingresso mette a disposizione del pubblico e degli specialisti opere poco conosciute o mai esposte insieme, su cui indagare scambi, modi di operare, similitudini e differenze tra padre e figlio. Al piano superiore, una carrellata di meravigliosi busti mette in scena le diverse fasi del Bernini ritrattista, in dialogo con il Bernini pittore. Per finire, sempre al secondo piano, nelle sale magnifiche della Galleria, tra Correggio, Tiziano, Lanfranco, sono esposte le ultime grandi opere del maestro, artista ormai lontano dalle favole ovidiane e dai miti classici di gioventù e alle prese con i temi della devozione pubblica e privata. Una evoluzione personale perfettamente omogenea a quella del suo tempo, quello del multiforme, contraddittorio e affascinante Barocco.
(a cura di Rossella Faraglia)
Appuntamento: ore 10,30, Piazzale antistante la Galleria Borghese
Costo: € 7,00 visita guidata; € 22,00 biglietto intero, € 15,50 ridotto + € 2,00 prenotazione
DOMENICA 18 FEBBRAIO – MOSTRA “IL TESORO DI ANTICHITÀ. WINCKELMANN E IL MUSEO CAPITOLINO NELLA ROMA DEL SETTECENTO” – MUSEI CAPITOLINI
Il 2017 ha celebrato i 300 anni dalla nascita di Johann Joachim Winckelmann (Stendal, 9 dicembre 1717 – Trieste, 8 giugno 1768), mentre il 2018 ne ricorderà i 250 dalla morte: cinquant’anni di vita, in gran parte dedicati alla passione per l’arte dell’antichità di cui è considerato il primo storico in senso moderno. Ma la mostra che visiteremo, oltre a celebrare questi anniversari, offre l’opportunità di seguire la narrazione degli anni che hanno portato, nel dicembre del 1733, all’istituzione stessa del Museo Capitolino, il primo museo pubblico d’Europa, nato per la conservazione della “magnificenza e splendor di Roma” e non di rado spunto per le le intuizioni di Winckelmann. Un duplice racconto, dunque, quello della contemporanea nascita del museo e della storia dell’arte moderna, concepiti nello stesso momento come necessità di preservare il passato attraverso le buone pratiche complementari della conservazione e dello studio dei manufatti.
(a cura di Matteo Piccioni)
Appuntamento: ore 10,00, Piazza del Campidoglio, sotto la statua del Marco Aurelio
Costo: € 7,00 visita guidata;  € 13,00 Biglietto integrato mostra e Musei Capitolini, € 11,00 ridotto (per i cittadini residenti nel territorio di Roma Capitale (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza), € 2,00 ridottissimo. ( In occasione di questa mostra anche le categorie aventi diritto a gratuità dovranno munirsi di un biglietto ridottissimo del costo di € 2,00. La totale gratuità è prevista per bambini sotto i 6 anni, gruppi di scuole)
DOMENICA 25 FEBBRAIO – PARCO ARCHEOLOGICO DELLA VIA LATINA (Permesso speciale)
Il parco archeologico delle Tombe di Via Latina è uno dei complessi archeologici di maggior rilievo del suburbio di Roma che conserva ancora sostanzialmente intatto l’aspetto tradizionale dell’antica campagna romana. Nel sito si conservano un tratto dell’antica Via Latina, che collegava Roma con Capua, ancora pavimentata per un lungo tratto dell’antico basolato in selce, e su entrambi i lati numerosi monumenti funebri e testimonianze storiche. Gioielli di quest’area archeologica sono le due magnifiche tombe dei Valeri e dei Pancrazi, decorate da stucchi, mosaici ed affreschi.. A queste si è aggiunto recentemente un terzo gioiello, il cosiddetto Sepolcro Barberini, l’unico ad essersi conservato intatto anche nell’alzato. Fino ad ora era possibile ammirarlo solo dall’esterno, oggi, dopo un minuzioso restauro, è possibile visitarne su prenotazione anche gli interni, che recano tracce della decorazione ad affresco, di cui è stata realizzata anche una completa ricostruzione tridimensionale.
(a cura di Francesco Rossi)
Appuntamento: ore 9,00, via dell’Arco di Travertino 151
Costo: € 7,00 visita guidata + € 4,00 apertura speciale.

MARZO

SABATO 3 MARZO – SANTA MARIA IN ARACOELI
Eretta nel sito del tempio di Giunone Moneta, sul’Arce del Campidoglio, la chiesa nasce come monastero dei monaci greci nel VII sec. e mantiene la sua vocazione di sede monastica nei secoli successivi. La suggestiva scalinata, inaugurata da Cola Di Rienzo nel 1348, dà l’accesso solenne a questo luogo carico di testimonianze storico – artistiche di età medievale e rinascimentale,  tra le quali si ricorda il sepolcro di Luca Savelli di Arnolfo di Cambio e la famosa cappella Bufalini del Pinturicchio.
(a cura di Sonia Bozzi)
Appuntamento: ore  10,00,  all’ingresso della Chiesa, in cima alla scalinata
Costo: € 7,00 visita guidata
SABATO 10 MARZO – GALLERIA NAZIONALE D’ARTE ANTICA – PALAZZO BARBERINI
Proponiamo di seguito la visita alle due sedi della Galleria Nazionale d’Arte Antica, dislocate in due palazzi storici. A differenza del nucleo ospitato da Palazzo Corsini, che mantiene la fisionomia di quadreria settecentesca, a Palazzo Barberini la collezione è costituita da ciò che deriva dalle successive acquisizioni del patrimonio della Galleria Nazionale. Dunque l’esposizione, che conta capolavori tra i quali la “Fornarina” di Raffaello, il “Ritratto di Enrico VIII”, ecc. è meno vincolata da esigenze di rispetto della collocazione originaria e si configura come un superbo museo “cronologico”.
Il Palazzo, cui misero mano i più prestigiosi architetti del Seicento (Maderno, Bernini, Borromini), fu scena di feste sontuose, all’ombra di una delle famiglie più potenti della storia romana.
(a cura di Rossella Faraglia)
Appuntamento: ore 10,30, Via Quattro Fontane, 13
Costo: € 7,00  visita guidata;  € 13,00 biglietto, ridotto €7,00
SABATO 17 MARZO – GALLERIA NAZIONALE D’ARTE ANTICA – PALAZZO CORSINI
Il nucleo originario della Galleria Nazionale d’arte antica è costituito dalla collezione del cardinale Neri Corsini (1685-1770), nipote del papa Clemente XII. Egli, nella prima metà del Settecento, affidò all’architetto Ferdinando Fuga i lavori per la ristrutturazione del Palazzo Riario alla Lungara che aveva da poco acquisito. L’elegante edificio, che nel Seicento aveva ospitato la regina Cristina di Svezia, oltre alla Galleria, è oggi sede dell’Accademia dei Lincei e della prestigiosa Biblioteca Corsiniana.
(a cura di Rossella Faraglia)
Appuntamento: ore  10,30,  Via della Lungara, 10
Costo: € 7,00 visita guidata; € 13,00 biglietto intero, ridotto €7,00 (gratuito se si è partecipato alla visita precedente)
DOMENICA 25 MARZO – UNA PASSEGGIATA NELLA ROMA FIN-DE-SIÈCLE – DALLA GALLERIA SCIARRA AL PALAZZO DEL PARLAMENTO
Spesso, sbrigativamente, alcuni celebri edifici della Roma ottocentesca sono definiti “liberty” solo perché nei loro ornamenti compaiono profusioni di nastri, racemi e fiori. Questa semplificazione porta a far perdere valore sia alla feconda stagione dell’eclettismo romano, sia al vero significato di Liberty o, meglio, di Art Nouveau italiano. Questa passeggiata ha lo scopo di porre l’attenzione su alcuni edifici del centro storico, tra l’insula Sciarra e Piazza del Parlamento, sotto ai quali passiamo distrattamente, che risultano peculiari per l’evoluzione del linguaggio architettonico moderno italiano, e che offrono una panoramica sulle diverse connotazioni della ornamentazione della Roma fin-de-siècle, periodo di grande innovazione e trasformazione all’insegna della modernità. Dalla Galleria Sciarra di Giulio De Angelis, al  Palazzo De Angelis dello stesso autore, passando per il grande Palazzo Bocconi, sede dei Grandi Magazzini Alle Città d’Italia (poi Rinascente, ora sede di Zara), fino all’ampliamento di Palazzo Montecitorio eseguito da Ernesto Basile.
(a cura di Matteo Piccioni)
Appuntamento: ore 11,00 – davanti alla Galleria Sciarra, Piazza dell’Oratorio
Costo: € 7,00 visita guidata

 

Annunci

2 commenti

  1. Lucia ha detto:

    sono interessata alla visita al casino Massimo Lancellotti di domenica 19 maggio, non so se la procedura di prenotazione sia quella giusta, fatemi sapere, siamo due persone, grazie a presto
    Lucia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: