L' arte della memoria

Home » Programma delle attività

Programma delle attività

Visite Guidate Aprile – Giugno 2017

APRILE
DOMENICA 2 APRILE – MUSEO NAZIONALE ROMANO – TERME DI DIOCLEZIANO
Il Museo delle Terme, parte del Museo Nazionale Romano, è allestito in un luogo spettacolare nel vero senso della parola, segnato dagli ingenti resti delle più grandi terme del mondo romano. Come è noto, fu Michelangelo a mettere mano ad un grande progetto che prevedeva, oltre al riutilizzo del tepidarium e del frigidarium dell’antico impianto per la chiesa di S. Maria degli Angeli, la costruzione di una Certosa con un vasto chiostro. Di recente è stato inserito nel percorso museale anche lo spazio della natatio, la piscina delle Terme, la cui facciata è tagliata dal presbiterio della chiesa michelangiolesca. Visiteremo le grandi aule e le sale dei Musei Epigrafico e Protostorico, ricche di oggetti e di epigrafi che raccontano la storia di Roma anche negli aspetti della vita quotidiana.
(a cura di Francesco Rossi)
Appuntamento: ore 9,30, Via Enrico De Nicola, 79
Costo: € 7,00 visita guidata – biglietto gratuito prima domenica del mese
SABATO 22 APRILE – MOSTRA “GIOVANNI BOLDINI” – COMPLESSO DEL VITTORIANO
Grigi argentei o perlacei, rosa pallido, pennellate “a frusta” o levigatissime, massima perizia nel raffigurare tessuti setosi, predilezione per i ritratti e, tra i ritratti, per quelli femminili: lo stile di Giovanni Boldini (1842-1931) è inconfondibile. Può attrarci e respingerci per lo stesso motivo, l’aderenza perfetta ai suoi temi e ai suoi soggetti aristocratici o alto-borghesi, raffinate icone del tempo “moderno” e di un milieu internazionale. Le opere sono circa 160, e provengono da importanti musei; manca purtroppo la celeberrima Marchesa Casati della Galleria Nazionale d’Arte Moderna, compensata dalla Lady Colin Campbell in lucente raso nero dalla National Portrait Gallery e dal ritratto di Madame Blumenthal in abito perlaceo dal Museo d’Orsay.
(a cura di Matteo Piccioni)
Appuntamento: ore 9,45, Via S.Pietro in Carcere, all’ingresso del Complesso del Vittoriano
Costo: € 7,00 visita guidata + 14,50 (biglietto + prenotazione + auricolari)
SABATO 29 APRILE – CIRCO MASSIMO
Il grande spazio che separava il Palatino dall’Aventino, l’antica Vallis Murcia, venne occupato quasi per intero dal Circo Massimo, il più grande di tutti i tempi, capace di ospitare 150.000 spettatori. I Romani amavano le gare di quadrighe quasi quanto i giochi gladiatori e l’enorme struttura, costruita in muratura sotto Giulio Cesare, ma risalente ai Tarquini, rimase in uso fino al VI secolo d.C. Avremo modo di conoscere quanto emerso dai recenti scavi presso l’emiciclo sud, punto cruciale del percorso, quando le quadrighe curvavano intorno alla “meta” meridionale, venendo spesso in contatto tra lo strepito degli astanti. Nel nuovo percorso museale si potrà accedere alle gallerie che un tempo davano accesso alla cavea e si potranno vedere, oltre che i resti delle latrine, una vasca-abbeveratoio e alcune tabernae, botteghe di diversa natura, comprese quelle dei cambiavalute, utilissime per le scommesse sulle corse.
(a cura di Valeria Bartoloni)
Appuntamento: ore 10,45, Via del Circo Massimo (verso Porta Capena)
Costo: € 7,00 visita guidata + € 5,00 biglietto intero non residenti, € 4,00 ridotto non residenti; € 4,00 biglietto intero residenti, € 3,00 ridotto residenti
MAGGIO
SABATO 6 MAGGIO – MOSTRA “DA CARAVAGGIO A BERNINI” – SCUDERIE DEL QUIRINALE
Il sottotitolo, “Capolavori del Seicento italiano nelle collezioni reali di Spagna”, dichiara lo scopo della mostra: far conoscere attraverso una selezione mirata il ricco scambio culturale tra Italia e Spagna nel ‘600. Le vicende politiche di un’epoca storica percorsa da guerre terribili, sommosse e grandissimo fervore intellettuale si rispecchiano in un’arte magniloquente e splendida o torbida e inquietante, dalla religiosità complessa e dalla grande pluralità linguistica. Con la Spagna l’Italia ha avuto un rapporto ricchissimo dal punto di vista della storia dell’arte: artisti spagnoli hanno soggiornato in Italia (Velázquez) e artisti italiani sono stati chiamati per importanti committenze in Spagna (Luca Giordano), per non parlare delle opere donate da famiglie dell’aristocrazia italiana per ingraziarsi la potenza straniera. Le opere in mostra, di Caravaggio, Bernini, Guido Reni, Guercino, provengono dal Patrimonio Nacional, costituito da quelle opere non trasferite nel Museo Real (poi divenuto Museo del Prado) ma rimaste a disposizione della famiglia reale.
(a cura di Rossella Faraglia)
Appuntamento: ore 10,15, Via XXIV Maggio, 16
Costo: € 7,00 visita guidata + € 7,00 biglietto + € 2,00 diritti di prenotazione
DOMENICA 14 MAGGIO – COLONNA TRAIANA E CHIESE DEL FORO (S. MARIA DI LORETO; SANTISSIMO NOME DI MARIA)
A complemento della visita precedente ai Fori Imperiali, analizzeremo uno dei manufatti più stupefacenti dell’arte romana, la prima colonna coclide, inaugurata nel 113. Prima di allora le colonne onorarie avevano il fusto decorato con fasce orizzontali a rilievo, mentre qui per la prima volta una fascia continua gira a spirale senza discontinuità. Com’è noto le scene descrivono le vicende della guerra dacica (101-106), compresi i movimenti delle truppe, i vari passaggi sul Danubio ecc. Visiteremo poi le due chiese che si affacciano sul Foro di Traiano, S. Maria di Loreto e Santissimo nome di Maria, poco conosciute come tutte le chiese che si trovano nei pressi di un monumento tanto più famoso. La prima, opera di Antonio da Sangallo il Giovane, conserva al suo interno una bellissima Santa Susanna dell’artista classicista fiammingo François Duquesnoy che a Roma si avvicinò all’arte barocca di Bernini; l’altra è invece settecentesca e dedicata alla celebrazione del Nome di Maria, introdotta da papa Innocenzo XI sullo scorcio del secolo precedente per commemorare, nel nome della Vergine, la vittoria contro i Turchi.
(a cura di Luca Pulcinelli e Rossella Faraglia)
Appuntamento: ore 10,00, sotto la Colonna Traiana
Costo: € 7,00 visita guidata
SABATO 20 MAGGIO – SANTA MARIA IN COSMEDIN
S. Maria in Cosmedin fu fondata nell’VIII secolo su una precedente diaconia nell’area dell’Ara Massima di Ercole, un antico santuario forse antecedente al 495 a.C. in seguito inglobato in un edificio porticato di età flavia. È una testimonianza tra le più importanti dell’iconoclastia, di quel fenomeno storico caratterizzato dalla distruzione delle immagini, che aveva provocato una diaspora di monaci dall’impero bizantino in Occidente. Nel nome greco, che significa ornamento, in alcune delle decorazioni rimaste, nel fatto che ancora oggi sia retta dal clero cattolico greco-melchita che vi officia con il rito bizantino, molto ci rimanda a questa origine anche se, come si sa, la chiesa è meta di turisti soprattutto per l’antico tombino noto come Bocca della Verità. È l’occasione per saperne un po’ di più!
(a cura di Stefania Botti)
Appuntamento: ore 10,00, Piazza della Bocca della Verità, all’ingresso della chiesa
Costo: € 7,00 visita guidata
SABATO 27 MAGGIO – FORO ROMANO
In una piccola valle tra Palatino e Campidoglio tutta la storia di Roma: dalla necropoli arcaica e i villaggi dell’età del Ferro, ai templi e le basiliche civili della Repubblica, fino all’Impero dei Cesari. Una visita assolutamente imprescindibile per centralità ed interesse.
(a cura di Luca Pulcinelli)
Appuntamento: ore 9,00, Largo Romolo e Remo
Costo: € 7,00 visita guidata + € 12,00 biglietto (ridotti di legge)
GIUGNO
SABATO 10 GIUGNO – HORTI SALLUSTIANI (permesso speciale)
Appartenuta a Giulio Cesare, poi allo storico Caio Sallustio Crispo che la lasciò in eredità a suo nipote, la villa con magnifici giardini non era certo infossata nella piazza come ora i suoi resti a causa dello stravolgimento del rione dovuto alla speculazione edilizia seguita alla proclamazione di Roma Capitale. Prima di allora era ancora possibile leggere gli imponenti resti della villa che, passata dopo la morte del nipote di Sallustio nel demanio imperiale, fu spesso preferita al Palatino dagli imperatori, trovandosi in una delle zone più salubri di Roma, il colle Quirinale. Dopo il restauro della Soprintendenza di Roma, è possibile accedere agli spazi rimasti, tra cui una vasta aula circolare che dovrebbe risalire al restauro adrianeo, che mostra affinità con alcuni ambienti della Villa Adriana a Tivoli.
(a cura di Francesco Rossi)
Appuntamento: ore 10,00, Piazza Sallustio, 21
Costo: € 7,00 visita guidata
VENERDI 16 GIUGNO – VILLA LANTE AL GIANICOLO (permesso speciale)
L’Accademia di Finlandia apre al pubblico, su richiesta, la propria sede, una piccola e raffinata villa rinascimentale costruita da Giulio Romano nel primo Cinquecento per un importante funzionario della corte papale. Qui come altrove, l’architetto diede prova della sua originale interpretazione dell’architettura e degli ordini classici ricca di geniali licenze. All’interno poco si conserva degli affreschi originari, staccati nel corso del tempo. Rimangono però alcune grottesche che inquadrano bellissimi ritratti femminili e alcune imprese araldiche. Impareggiabile la vista su Roma che si gode dalla preziosa, piccola loggia.
Passata ai Lante nel 1551 e da questi a Camillo Borghese all’inizio dell’800, dalla metà del ‘900 è di proprietà della Finlandia, che la ha destinata alla propria accademia, l’Institutum Romanum Finlandiae.
(a cura di Rossella Faraglia)
Appuntamento: ore 10,00, Passeggiata del Gianicolo, 10
Costo: € 7,00 visita guidata+ € 5,00 apertura speciale
DOMENICA 25 GIUGNO – VILLA CELIMONTANA (con visita a permesso speciale al Ninfeo)
Presso la chiesa di Santa Maria in Domnica si trova questa bella villa, situata sulla sommità del colle Celio, l’antico Coelimontium e per questo detta Celimontana. Un tempo appartenne ai Mattei e anche oggi, nonostante le spoliazioni ingenti che ha subito e la destinazione a verde pubblico, può essere considerata un perfetto esempio di villa cinquecentesca. Ne percorreremo i viali alla ricerca delle vestigia appartenute alla prestigiosa collezione dei Mattei (un obelisco, calchi di statue ed iscrizioni, decorazioni architettoniche).
La visita si inserisce nel ciclo delle nostre passeggiate botaniche in cerca della biodiversità in città e dunque andremo alla scoperta degli alberi della villa ma soprattutto delle sue “erbacce” per scoprire, sotto la guida di Giovanni Salerno, come possiamo utilizzarle in cucina o per curarci, ma anche la loro provenienza, come si diffondono e come si difendono.
(a cura di Giovanni Salerno e Rossella Faraglia)
Appuntamento: ore 9,30, ingresso della villa, via della Navicella
Costo: € 7,00 visita guidata

2 commenti

  1. Lucia ha detto:

    sono interessata alla visita al casino Massimo Lancellotti di domenica 19 maggio, non so se la procedura di prenotazione sia quella giusta, fatemi sapere, siamo due persone, grazie a presto
    Lucia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: