L' arte della memoria
Annunci

15 marzo 44 a.C. morte di Giulio Cesare – Visita domenica 7 luglio ore 17:30

Tanto famoso da essere diventato simbolo stesso della romanità, Gaio Giulio Cesare è un personaggio che non ha bisogno di presentazioni. Vi proponiamo fuori programma  una passeggiata attraverso le strade del Campo Marzio cercando di raccontare le sue ultime ore di vita, quelle delle Idi di Marzo del 44 a.C. quando il fato (o forse il suo stesso volere) lo condusse verso la morte nella Curia di Pompeo.

La passeggiata prenderà le mosse alle 17:30 dal Foro di Cesare e arriverà a Largo Argentina.

Visto che – ormai ci conoscete – amiamo la convivialità, abbiamo anche previsto un aperitivo (o un gelato) nei pressi di Largo Argentina (Bar Pica in via della Seggiola).

A cura di Sara Millozzi
Costo: € 8,00;
Appuntamento: ore 17:30  Via San Pietro in carcere, angolo di fronte al Vittoriano

 

 

 

Annunci

SABATO 15 GIUGNO ore 18 – Lezione sulla scultura antica: i Bronzi di Riace

Conservati all’interno del nuovo Museo Archeologico di Reggio Calabria, i bronzi di Riace rappresentano uno tra i più importanti rinvenimenti archeologici al mondo. Ricorderemo i particolari di quel lontano 16 agosto del 1972 quando questi esemplari eccelsi dell’arte greca del V secolo a.C. emersero dal mare, le vicende dei vari restauri e li metteremo poi a confronto con altri esempi della scultura classica. Seguirà un aperitivo per salutarci prima della pausa estiva.
A cura di Sara Millozzi
Costo: € 10,00
Appuntamento: ore 18:00, presso lo studio Campo Boario, Via del Campo Boario 3/a

SABATO 8 GIUGNO – VISITA A NAPOLI

La visita odierna a Napoli è stata l’occasione per prendere visione del caleidoscopio di espressioni che la caratterizzano, spesso complementari ma a volte anche contrastanti. Abbiamo avuto diversi appuntamenti, tutti di grande interesse. La prima tappa è stata palazzo Zevallos; eretto nel ‘600 per volontà dell’omonima nobile famiglia spagnola, attualmente ospita una importante raccolta d’arte di proprietà del gruppo Intesa Sanpaolo. Pitture che vanno dal ‘600 napoletano impregnato di influenza caravaggesca al vedutismo dell’800 dalle tipiche ambientazioni romantiche; da menzionare inoltre sculture e disegni di Vincenzo Gemito, fra i più significativi e originali artisti di fine ‘800 e inizio ‘900. Il nostro percorso è poi continuato con la visita alla basilica di San Domenico Maggiore in cui l’austerità delle architetture ben si sposa con la rigida ortodossia dell’ordine medesimo. Al suo interno abbiamo soprattutto apprezzato la cappella Brancaccio con il prezioso ciclo di affreschi del ‘300 di Pietro Cavallini. Ultima tappa è stata la cappella Sansevero, unanimemente considerata il piccolo gioiello della città e anche un edificio sorprendentemente carico di simbologie massoniche. Tutto ciò grazie al genio di Raimondo di Sangro, principe di Sansevero, committente e ideatore dell’apparato artistico. La scultura del Cristo Velato è ovviamente l’opera più celebrata ma al visitatore attento non ne sfuggono altre di altrettanto valore. E infine, sulla via del ritorno al treno, ci si è immersi nella Napoli delle vie storiche e popolari, con quel misto di religiosità, superstizione, tradizione e fatalismo che fa degli abitanti di questa città un esempio probabilmente unico al mondo. Si ringraziano tutti i partecipanti e le nostre preziose guide Matteo Piccioni e Stefania Botti.

 

SABATO 8 GIUGNO – NAPOLI (GITA DI UNA GIORNATA)

Una gita a Napoli, un’intera giornata dedicata alla scoperta di alcuni dei palazzi, delle collezioni e dei monumenti più stupefacenti della più stupefacente città del Mediterraneo. La meta principale della gita sarà Palazzo Zevallos Stigliano, costruito da Cosimo Fanzago nel 1637-39 per i duchi di Ostuni e affrescato da Luca Giordano, oggi sede partenopea delle Gallerie d’Italia, museo che ospita la collezione Intesa Sanpaolo. Avremo l’occasione di vedere alcuni capolavori della collezione e le bellissime stanze dedicate all’Ottocento meridionale in cui spicca la statuaria di Vincenzo Gemito. La seconda tappa della gita sarà la Basilica di San Domenico Maggiore, eretta per volere di Carlo II d’Angiò tra il 1283 e 1324, uno dei maggiori complessi ecclesiastici della città e uno dei maggiori esempi di gotico meridionale. Ultima tappa, tra una sfogliatella e un babà, sarà la Cappella Sansevero, chiesa sconsacrata annessa all’adiacente palazzo Sansevero che ospita oggi uno dei capolavori più celebrati della città: il Cristo velato di Giuseppe Sanmartino.
A cura di Matteo Piccioni e Stefania Botti
Costo: € 90,00 a persona (include il biglietto del treno, il biglietto di ingresso ai siti e le visite guidate)
Appuntamento:
PARTENZA da Roma Termini ore 9.11 con ITALO 9969/71 diretto a Salerno (appuntamento dentro la stazione ore 8.40 davanti alla farmacia in testa al binario 1).
RIENTRO da Napoli Centrale ore 17,48 con ITALO 8952 diretto a Brescia (saremo tutti insieme, ma nel dubbio appuntamento ore 17,20-17,30 sotto al tabellone dei treni nel salone di ingresso).
Per la giornata abbiamo ancora qualche posto disponibile, alla cifra di € 45 escluso il viaggio cui il partecipante che si aggiunge deve provvedere in autonomia, tenendo conto che deve arrivare a Napoli intorno alle 10-10,10 al massimo.

 

 

SABATO 25 MAGGIO – VISITA SAN GIOVANNI IN LATERANO

Fra gli emblemi più rappresentativi della fede cristiana sin dalle sue origini, ricca di scorci e aneddoti storici…tutto questo e molto altro ci è stato raccontato e compendiato con la solita maestria da Rossella Faraglia. Di seguito un bel resoconto fotografico per il quale si ringraziano Massimo Bozzo e Roberto Frisari.

SABATO 25 MAGGIO ore 9.30 – SAN GIOVANNI IN LATERANO

L’Arcibasilica del Santissimo Salvatore e dei Santi Giovanni Battista ed Evangelista, comunemente detta San Giovanni in Laterano, fu consacrata nel IV secolo da papa Silvestro I. Fino al XIV secolo fu l’unica sede del papato e il Patriarchio, o dimora lateranense, annesso alla basilica, fu dunque a la residenza dei papi per tutto il Medioevo. Ripercorreremo le fasi più importanti della sua storia, edilizia, segnata dalle campagne di decorazione in occasione dei giubilei e visiteremo il magnifico chiostro dei Vassalletto, celebre famiglia di marmorari romani.

A cura di Rossella Faraglia
Costo: € 8,00; € 2,00 biglietto di ingresso al Chiostro
Appuntamento: ore 9:30 Piazza San Giovanni in Laterano, ai piedi della scalinata

SABATO 18 MAGGIO – GITA DI UN GIORNO AD ANAGNI

È certamente uno dei più bei borghi del basso Lazio, arroccato su uno sperone roccioso che domina la valle del fiume Sacco: rimasta nella storia per il famoso schiaffo con cui fu umiliato papa Bonifacio VIII, Anagni è molto altro. Capitale di un regno italico poi vinto e sottomesso dai Romani, nel Medioevo fu residenza pontificia e la ricchezza della corte papale ha qui lasciato numerosi segni monumentali. Tra le vie del centro si respira ancora un’aria antica, a partire dai palazzi per finire con la cattedrale, eretta poco dopo il Mille sull’antica acropoli pagana, rimaneggiata nel Duecento e impressionante per l’incredibile apparato decorativo, nel quale spicca la cripta di S. Magno affrescata da eccellenti maestri rimasti anonimi.
A cura di Stefania Botti
Costo: € 22 a persona.  La quota comprende la visita guidata e i biglietti di ingresso alla Cattedrale e al Palazzo Papale.
Appuntamento: Piazza S. Croce in Gerusalemme ore 8:30 oppure Anagni, di fronte alla Cattedrale, ore 10:00. Rientro ore 19:00
L’escursione si effettuerà solo se si raggiunge il numero minimo di 15 partecipanti