L' arte della memoria

Mostra “Monet” – Complesso del Vittoriano

Monet_Ninfee-rosa
La mostra è una sorta di piccola trasferta del Museo Marmottan di Parigi, cui il figlio ed erede di Claude Monet donò le opere che alla morte del padre si trovavano a Giverny, sua ultima dimora. Sono oltre sessanta opere del maestro dell’Impressionismo, principalmente databili ai suoi ultimi ann,i tra cui le famose Ninfee, oggi celebrate come premesse dell’astrattismo ma che – non comprese – non furono mai né vendute né mostrate in pubblico finché Monet era in vita. Insieme alle ninfee dai mille volti, si potranno ammirare le famose vedute di Londra, con Westminster e i suoi colorati riflessi sul Tamigi, le rose di Giverny, nonché alcuni esempi degli inizi del pittore: ritratti e caricature
Appuntamento: ore 11,30, Via di San Pietro in Carcere.
Costo: € 7,00 visita guidata + € 13,50 biglietto (comprensivo di servizio di amplificazione e diritti di prenotazione)
Annunci

SABATO 14 OTTOBRE, ore 10,00 – BASILICA DEI SANTI COSMA E DAMIANO

7530
Nel VI secolo Amalasunta, figlia di Teodorico e sua erede del regno ostrogoto, donò al papa Felice IV due ambienti del Foro della Pace per trasformarli in basilica cristiana. Nacque così Ss. Cosma e Damiano, con S. Maria Antiqua uno dei primi edifici della religione cattolica all’interno del Foro romano.
Nel muro adiacente all’ingresso si nota la parete in laterizio cosparsa di un numero cospicuo di buchi: sono i segni delle grappe cui erano attaccate le lastre della Forma Urbis severiana, la pianta di Roma antica, fondamentale documento di studio per la conoscenza della città.
Celeberrimo è, all’interno, il mosaico con il Cristo su un paradisiaco sfondo azzurro, modello insuperato di tutti le successive rappresentazioni.
Appuntamento: ore 10,00, Via dei Fori imperiali, all’ingresso della basilica

Foto della passeggiata lungo le mura Aureliane di domenica 1 ottobre

Domenica 1 ottobre, ore 9,30 LE MURA DI AURELIANO DALLA PORTA S.SEBASTIANO AL BASTIONE ARDEATINO

Mausoleo di Cecilia Metella

Una bellissima foto con l’apparizione della Tomba di Cecilia Metella. Foto di Massimo Bozzo

mure-aureliane
Nel III sec. d.C., sebbene ancora lontane da Roma, popolazioni barbare provenienti dal nord Europa minacciavano l’invasione e l’imperatore Aureliano (270-275 d.C.) decise di promuovere la costruzione di una nuova e più ampia cinta di fortificazioni che sostituisse le vecchie mura repubblicane ormai fuori uso. Le mura furono rialzate e restaurate dagli imperatori Massenzio e Onorio.
Porta San Sebastiano e il tratto verso il Bastione Ardeatino, dove si conservano 11 torri, rappresenta uno spaccato del grande apparato difensivo, nato in età imperiale romana ma sottoposto nei secoli a continue modifiche. La porta è la più grande e tra le meglio conservate dell’intera cinta, il Bastione Ardeatino, eretto nel 1536 da Antonio da Sangallo il Giovane, fu l’unica opera realizzata nel programma di adeguamento della città all’introduzione delle armi a polvere da sparo.
Appuntamento: ore 9,30, presso il Museo delle mura, Via di Porta San Sebastiano 18
Costo: € 7,00 visita guidata

Villa Celimontana e il Ninfeo dell’Uccelliera – 25 giugno 2017

Foto della visita di ieri, 10 giugno, agli Horti Sallustiani

Domani, Horti Sallustiani (permesso speciale) ore 10,00

073-1.jpgNNNNNNNN-1 (foto di Ugo Maria Cionfrini)
Appartenuta a Giulio Cesare, poi allo storico Caio Sallustio Crispo che la lasciò in eredità a suo nipote, la villa con magnifici giardini non era certo infossata nella piazza come ora i suoi resti a causa dello stravolgimento del rione dovuto alla speculazione edilizia seguita alla proclamazione di Roma Capitale. Prima di allora era ancora possibile leggere gli imponenti resti della villa che, passata dopo la morte del nipote di Sallustio nel demanio imperiale, fu spesso preferita al Palatino dagli imperatori, trovandosi in una delle zone più salubri di Roma, il colle Quirinale. Dopo il restauro della Soprintendenza di Roma, è possibile accedere agli spazi rimasti, tra cui una vasta aula circolare che dovrebbe risalire al restauro adrianeo, che mostra affinità con alcuni ambienti della Villa Adriana a Tivoli.
(a cura di Francesco Rossi)
Appuntamento: ore 10,00, Piazza Sallustio, 21
Costo: € 7,00 visita guidata